Piombo, ingiustizia, sangue e polvere: un candidato al Premio Strega

Scrivo sapendo che non sarò mai totalmente pronta a parlare di “Città sommersa” che sin dalla prima pagina ha parlato alle corde più intime della mia mente, del mio cuore e della mia ambizione. Scrivo di un libro che non mi è sembrato tale. Scrivo di una scrittrice che è stata mia amica e cheContinua a leggere “Piombo, ingiustizia, sangue e polvere: un candidato al Premio Strega”

LETTERA AD UN UOMO DI MEMORIA

Caro Edi,Distinto Signor Rama,Gentile Signor Presidente,non so bene nemmeno come chiamarLa, come rivolgermi a Lei perché, fino a ieri,  non conoscevo la Sua carica e  neppure il Suo nome e perché davanti a gesti di un certo tipo sento un misto di grandiosa ammirazione e impossibilità di mantenere distacco, deferenza, ufficialità.Io sono italiana, ho vent’anniContinua a leggere “LETTERA AD UN UOMO DI MEMORIA”

Una partita a scacchi contro la morte e la bestialità: il Decameron

Di certo il titolo non è incoraggiante: insomma, perché leggere l’ennesimo riassunto del Decameron? Sul serio? Ma, lettore, ti chiedo un po’ di fiducia: arriva fino in fondo e forse il Decameron e il suo autore, vissuto nel lontano Trecento, non ti sembreranno più così lontani. Sì, perché in questo periodo d’incertezza, le domande cheContinua a leggere “Una partita a scacchi contro la morte e la bestialità: il Decameron”